“Ma si sono solo quattro passi…” Quante volte avete addotto questa come scusa per non fare stretching e non ritenerlo importante, dopo una passeggiata? Specialmente se camminare ti sembra facile e naturale, non ti verrà in mente di dover allungare i muscoli alla fine del tuo percorso. Ma dedicare qualche minuto a concentrarti sulla mobilità dei piedi, delle caviglie e delle anche può avere grandi benefici. Non solo stai aiutando ad accelerare il recupero e ridurre il rischio di lesioni man mano che progredisci nel ritmo delle tue camminate e aggiungi pendenza, ma trai beneficio anche dal passare semplicemente qualche minuto in più facendo un po ‘di stretching dinamico che può migliorare notevolmente le tue performances.

La maggior parte di noi passa molto tempo seduta. Una camminata durante la giornata a volte è l’unico allenamento che facciamo. Quindi il rischio di lesioni aumenta proprio a causa di questa prolungata sendentarietà.
Di conseguenza praticare un buono stretching sia pre che post camminata è un ottimo modo per evitare questi infortuni.

Allungamento delle caviglie: mettiti di fronte a un muro e metti un piede a un paio di centimetri dal muro, l’altro piede un passo indietro da quello. Appoggia le mani contro il muro se hai bisogno del supporto e inizia a piegare il ginocchio anteriore, consentendo alla rotula di superare il piede verso il muro, mantenendo entrambi i talloni a terra. Fermati quando senti un buon allungamento ma mi raccomando non esagerare! Sentirai un allungamento al polpaccio e allo stinco. Mantieni la posizione per 15 secondi, quindi ripeti con l’altro piede.

Affondi in piedi: Cammina semplicemente in avanti mentre ti affondi: fai un grande passo e poi lascia che il ginocchio anteriore si pieghi a 90 gradi mentre il ginocchio posteriore si abbassa verso il suolo. Concentrati sul mantenere un buon controllo del core mentre lo fai e otterrai anche un po ‘di lavoro addominale extra! Mentre sei in posizione di affondo, potresti anche voler fare una pausa per alcuni secondi e piegarti un po ‘in avanti e indietro per lavorare sui flessori dell’anca. Dovresti sentire un buon allungamento, ma ancora una volta, presta attenzione a come ti senti e vai solo abbastanza in profondità nell’affondo per sentire un allungamento, non dolore. Esegui 10 affondi per lato.

Ilaria Cellura

MYW ® Creator
YogArmonY ® Creator
AntiGravity®Fitness e Yoga instructor
Pilates trainer
RYT200 Yoga
Diplomata in Medicina tradizionale Cinese
Naturopata

«Ho conseguito una certificazione da istruttore di Aerobica nel 1998 e ho insegnato 8 anni in molte palestre di Monza e hinterland. Per poter avere delle basi migliori su anatomia e biomeccanica umana, ho conseguito una certificazione di istruttore di Pilates e ginnastica posturale nel 2015. Nel 2005 mi certifico come istruttore AntiGravity® Fitness e Yoga in praticamente tutte le varianti.
Dopo aver collaborato per anni con studi yoga (nel 2017 ho ottenuto la certificazione di istruttore 200h r con Yoga Alliance) e centri di ginnastica posturale, anche presso Virgin® e Hard Candy, nel 2018 ho aperto una associazione sportiva in collaborazione con la collega e amica Manuela Badessi, nel centro di Palma di Mallorca: Fly High Mallorca.
Dal 2018 mi sono specializzata nell'uso della Yoga Wheel sviluppando un programma basato sul lavoro della miofascia. Il programma MYW (Myofascial Yoga Wheel) è una vera innovazione nell'uso della ruota yoga e nel miglioramento della posturalità. Nel 2020 metto a punto una tecnica ibrida tra yoga e danza: YogArmony: a breve inizieranno workshop e corsi in tutta italia».

Sito ufficiale: Flyhigh-ag.com
Sito myofascial Yoga Wheel: www.myofascial-yogawheel.com
Instagram: @flyhighAG
Facebook: FlyHighAG

View all posts